Maltrattamenti di animali: proprietario punito per aver affidato, in sua assenza, la cura del gatto a un vicino “inadeguato”.

Maltrattamenti di animali: proprietario punito per aver affidato, in sua assenza, la cura del gatto a un vicino “inadeguato”.

Category : Animali

Partire per le ferie e delegare il compito di accudire i propri animali domestici a un conoscente che, però, si rivelerà inadeguato, costituisce violazione all’art. 727 del codice penale.
La Cassazione, con sentenza n. 32157/2020, richiamando precedenti giurisprudenziali,
ha ritenuto desunta la sussistenza dell’elemento oggettivo del reato previsto e punito dall’art. 727 del codice penale ogni qualvolta le modalità di custodia sono inconciliabili con la condizione propria dell’animale in situazione di benessere.
Ne consegue che, il proprietario di animali domestici deve avere una condotta diligente nella scelta del suo sostituto, non dimenticando che può sempre affidarli a una struttura, pubblica o privata, di custodia e cura.